Natale 2020

Tu sei qui

23 Dicembre 2020 / Eventi

Natale 2020

 

Natale  2020

 

                                                                                                                                                                                                                           a l’uom la man Ei porge

                                                                                                                                                                                                                           che si ravviva, e sorge 

                                                                                                                                                                                                                           oltre l’antico onor.

 

 

La ricorrenza festiva del Natale, che possiamo riconoscere, per quanto è stato nei secoli, come capodanno cristiano, è per noi invito a una riflessione e a propositi di rinnovamento: lo suggerisce o forse lo impone la sola buona lezione delle pandemie.

Quali parole ripetere dal terzo, in ordine di composizione, degli Inni Sacri, dove il neo-convertito, ma perenne catecumeno, cancella la faciliore lettura dell’avvento della Redenzione con una scansione poetica di pietà aggressiva, siglata sull’autografo dalla coscienza della imperfezione: «explicit infeliciter».

Nella strofa dodicesima era sintetizzato «et in terra pax hominibus bonae voluntatis» nel settenario «E in terra pace al buono»: i buoni escono dalla scena, rimane l’«uom» (che si sovrappone a «fango»), rimane l’annuncio ai «pastor devoti», e la provocatoria profezia che la terra dovrà «in quell’umil riposo … ne la polve ascoso» conoscere «il Re». La potenza, l’onnipotenza di un sovrano che da subito si è umiliato, senza attendere la croce: ecco la sofferta contraddizione del Cristianesimo, almeno di quello manzoniano.

Il Natale come invito e augurio di misura per sé e speranza per gli altri, soprattutto per chi è grande e potente tra gli uomini.

L’unisono e vicendevole augurio di questo Natale è che «dolori e imbrogli della qualità e della forza di quelli che abbiam vissuto» non ritornino o, almeno, non sorprendano più. Ricordava papa Francesco nell’omelia in San Pietro dal passo successivo del xxxviii dei Promessi sposi: «si dovrebbe pensare più a far bene, che a star bene: e così si finirebbe anche a star meglio». È una affermazione dell’anonimo e, dice il suo rifacitore, «tirata un po’ con gli argani». Ma può essere il personale e forte augurio di Alessandro Manzoni, per una silenziosa rinascita interiore, di tutti e di ciascuno di noi, con parole antiche: un Buon Natale e un Natale buono.

 

TORNA ALLA LISTA

Cosa cerchi?

Eventi 139

News 70

Tags